Google Pixel: caratteristiche tecniche e uscita

Pubblicato il Pubblicato in Blog, Galleria
Pixel e Pixel XL sono il rinnovato impegno smartphone di Google. Un’iniziativa commerciale che rappresenta anche un’affermazione importante: addio agli smartphone stock di Android, quei Nexus che per anni hanno salvaguardato la versione “vanilla” del sistema operativo. Anche Google ha dovuto arrendersi alla necessità di personalizzare il software dei suoi dispositivi.
Pixel e Pixel XL rappresentano anche la voglia e la necessità di Big G di mettersi in gioco nel segmento hardware e di fare in modo che il proprio marchio non sia più offuscato da quello dei partner, divenuti ora anche rivali commerciali.
Similmente a iPhone 7 e 7 Plus, Google ha deciso di offrire due smartphone dall’hardware perlopiù condiviso. Le uniche differenze consistono nella diagonale dello schermo, 5 o 5,5 pollici, nella risoluzione, Full HD o Quad HD, e conseguentemente nella batteria: 2.770 mAh in Pixel e 3.450 mAh in Pixel XL.

google-pixel-xl-le-colorazioni-disponibiliPer il resto, i due top di gamma includono:

  • Processore quad-core Qualcomm Snapdragon 821 (GPU Adreno 530);
  • 4GB di RAM;
  • 32 o 128GB di memoria integrata non espandibile;
  • Fotocamera posteriore da 12 megapixel con sensore Sony IMX378, apertura f/2,0, doppio flash LED, messa a fuoco laser e stabilizzatore ottico;
  • Fotocamera frontale da 8 megapixel;
  • Lettore d’impronte;
  • Ricarica rapida tramite USB-C.

GOOGLE PIXEL E PIXEL XL: LE ESCLUSIVE SOFTWARE

Entrambi si basano sulla versione 7.1 di Android Nougat. Sebbene quest’ultima sarà poi distribuita come aggiornamento per dispositivi compatibili come LG Nexus 5X e Huawei Nexus 6P, Pixel e Pixel XL manterranno proprie ed esclusive alcune caratteristiche software. Ad esempio, Google Assistant, l’assistente virtuale annunciato al Google I/O e fortemente integrato nei nuovi smartphone. Non sarà disponibile solo all’interno della nuova app di messaggistica Allo, ma come parte del sistema: si potranno impostare promemoria, chiedere di effettuare una ricerca su Google o di prenotare un passaggio con Uber.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *